Passepartout MexalScadenze

Nuove Indicazioni pagamento bolli su fatture

Pagamento Bollo su fatture
L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato nel portale “Fatture e Corrispettivi” una guida che illustra il meccanismo di integrazione da parte dell’Agenzia stessa delle fatture elettroniche per le quali è dovuta l’imposta di bollo.

 

In particolare, l’Agenzia, per ogni trimestre, fornisce, nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi”, al soggetto passivo IVA, tenuto all’emissione della fattura elettronica, i due seguenti  elenchi:

– Elenco A (non modificabile dal contribuente) che contiene gli elementi identificativi delle fatture elettroniche che già riportano l’assolvimento dell’imposta di bollo;

Elenco B (modificabile dal contribuente) che contiene gli elementi identificativi delle fatture elettroniche inviate che non riportano l’assolvimento della imposta di bollo ma per le quali l’imposta è dovuta.

 

In particolare, nella guida l’Agenzia precisa che nell’elenco A viene riportata la lista delle fatture elettroniche emesse che contengono il valore “SI” nel campo “Bollo virtuale” presente nel file xml contenente la fattura e trasmesso al Sistema di interscambio.
Nell’elenco B, viene, invece, invece riporta la lista di fatture elettroniche emesse senza assoggettamento al bollo, ma che configurano

invece un documento soggetto a tale imposta .

 

Sempre con riferimento all’elenco B la Guida sottolinea che le modifiche da parte del contribuente possono essere effettuate entro l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre solare (ad esempio per il 1° trimestre 2021, entro il 30 aprile 2021) in modalità web puntuale (una fattura alla volta) all’interno del portale “Fatture e corrispettivi” oppure in modalità massiva, scaricando dal portale il file contenente l’elenco B e, dopo aver apportato le opportune modifiche, effettuando l’upload del file rettificato.

 

Dal punto di vista operativo per visionare ed integrare l’elenco, occorre entrare nel portale fatture e corrispettivi, sotto la cartella “Consultazione” selezionare “fatture elettroniche e altri dati IVA”, poi “pagamento imposta di Bollo”. Scegliendo il pulante modifica si potrà arrivare all’Elenco B si visualizzano le singole fatture incluse nell’elenco e, tramite la funzione presente nell’ultima colonna “Modifica”, è possibile modificare quanto proposto dall’Agenzia impostando a “Bollo NO” la singola fattura.

 

L’elenco B può essere modificato più volte entro il termine previsto e l’Agenzia delle entrate procederà al calcolo dell’imposta di bollo dovuta per il trimestre sulla base dell’ultima modifica trasmessa.

 

Si riporta di seguito la Tabella contenuta nella Guida che evidenzia le date degli step del nuovo

 

*Se l’importo dovuto per il 1° trimestre non supera 250 euro, il versamento può essere eseguito

entro il 30 settembre;

** Se l’importo complessivamente dovuto per il 1° e 2° trimestre non supera 250 euro, il

versamento può essere eseguito entro il 30 novembre.

 

Buon lavoro

Softech informatica per le Aziende srl
Reparto Gestionale